India, pestaggi in custodia di polizia: un video scioccante

Proteste di Nupur Sharma: il video della brutalità della polizia che ha scioccato l’India

Di Rajini Vaidyanathan e Dilnawaz Pasha
BBC News

Un video che mostra la polizia indiana che picchia un gruppo di musulmani in custodia è stato visto da milioni di persone dopo essere stato condiviso da un membro eletto del partito al governo BJP che ha elogiato le loro azioni brutali come un “regalo” per gli uomini.

La BBC ha identificato alcuni degli uomini del video e ha parlato con le loro famiglie

Nessuna azione è stata intrapresa nei confronti degli agenti coinvolti. Le famiglie di coloro che sono stati aggrediti affermano che i loro cari sono innocenti e dovrebbero essere liberati.

“Questo è mio fratello, lo stanno picchiando molto, sta urlando così tanto”.

Zeba scoppia in lacrime, le mani tremanti, mentre tiene il cellulare per guardare un video straziante di suo fratello minore Saif.

“Non riesco nemmeno a guardare questo, è stato colpito così duramente”, dice, mentre viene confortata dai parenti nella sua casa nella città di Saharanpur, nell’India settentrionale.

Il filmato angosciante mostra due poliziotti indiani che prendono di mira un gruppo di uomini musulmani in custodia, compreso il fratello di Zeba.

Zeba (al centro) non riesce a trattenere le lacrime dopo aver visto suo fratello essere picchiato dai poliziotti

Gli ufficiali possono essere visti picchiare gli uomini con aste che fanno oscillare come mazze da baseball. Il suono del tonfo mentre ogni colpo va a segno è punteggiato da urla.

“Fa male, fa male… NO!” alcuni del gruppo urlano mentre si rannicchiano per la paura, con le spalle al muro.

Mentre il martellamento continua, un uomo con una maglietta verde incrocia le mani in preghiera. Saif può essere visto con una tunica bianca che alza le braccia in aria come per arrendersi.

Saif, 24 anni, era uno delle dozzine di uomini musulmani che sono stati arrestati e detenuti dalla polizia la scorsa settimana.

Migliaia di persone hanno manifestato nella moschea della città dopo la preghiera del venerdì, unendosi alle proteste a livello nazionale per le osservazioni incendiarie sul profeta Maometto fatte da Nupur Sharma, portavoce nazionale del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP).

Il partito in seguito l’ha sospesa tra le proteste delle nazioni musulmane e ha affermato che si opponeva a insultare qualsiasi religione.

Le proteste a Saharanpur sono state in gran parte pacifiche, con folle che sfilavano dalla moschea oltre i negozi della città.

Con l’aumento della tensione, alcuni negozi di proprietà di membri della maggioranza indù dell’India sono stati attaccati e due uomini d’affari hanno riportato ferite lievi. Gli ufficiali hanno usato i manganelli per disperdere parte della folla.

I documenti della polizia accusano Saif e altre 30 persone di essere coinvolti in disordini, istigazione alla violenza, ferimento volontario per scoraggiare un funzionario pubblico e pericolo di vita, tra le altre accuse.

La famiglia, che guadagna modestamente da vivere vendendo cartone, dice che Saif non era nemmeno presente alle proteste ed è innocente.

Saif, 24 anni, era uno delle dozzine di uomini musulmani che sono stati arrestati e detenuti dalla polizia

Dicono che sia uscito di casa intorno alle 17:00 ora locale di venerdì, per prenotare un biglietto dell’autobus per un amico, quando è stato arrestato dagli agenti e portato alla stazione di polizia di Kothwali, a Saharanpur.

Quando Zeba gli fece visita lì, disse di aver visto lividi sul corpo di suo fratello: “Era blu per tutto il pestaggio, non poteva nemmeno sedersi”.

Il video, che mostra chiaramente la brutalità della polizia, è diventato virale dopo essere stato condiviso da un funzionario eletto del BJP, Shalabh Tripathi, che lo ha pubblicato con la didascalia “un regalo di ritorno per i ribelli”.

Tripathi è un ex consigliere mediatico di uno dei politici più potenti dell’India, Yogi Adityanath, il primo ministro dello stato dell’Uttar Pradesh, dove è avvenuto questo incidente.

Non c’è stata alcuna condanna del filmato da parte di funzionari del partito o di chiunque altro nel governo del BJP.

I gruppi per i diritti umani affermano che c’è stato un crescente clima di intolleranza in India da quando il BJP è salito al potere nel 2014, con un aumento dell’incitamento all’odio e degli attacchi contro la minoranza musulmana del paese.

La BBC ha raccolto le testimonianze di una mezza dozzina di famiglie musulmane che affermano che i loro parenti sono stati picchiati durante la custodia della polizia presso la stazione di polizia di Kothwali a Saharanpur, dopo essere stati arrestati venerdì.

I parenti li hanno anche identificati nei video, che mostrano la polizia che usa violenza. In altre riprese gli uomini possono essere visti condotti su un furgone prima di essere portati in un altro luogo: in queste immagini è chiaramente identificabile l’insegna della stazione di polizia di Kothwali.

Uno screenshot di un video mostra Saif (in bianco) davanti alla stazione di polizia di Saharanpur

Il rapporto della polizia cita anche la stazione. Nonostante ciò, all’inizio della settimana la polizia locale ha negato che l’incidente fosse accaduto lì.

“Nessun incidente del genere si è verificato a Saharanpur, ci sono due o tre video che circolano sui social media. Se guardi un video al rallentatore, vedrai il nome di un altro distretto nel video”, Akash Tomar, un alto ufficiale di polizia , ha detto alla BBC.

Da allora il signor Tomar ha affermato che sta lavorando per verificare l’autenticità del video e che interverrà se necessario.

Altri parenti degli uomini visti nel video affermano che i loro cari sono stati arrestati mentre si recavano a visitare la stazione per ulteriori informazioni.

Il figlio di Fahmida, Subhan, che ha 19 anni, è andato a scoprire cosa fosse successo al suo amico Asif che era stato arrestato, quando anche lui è stato preso e picchiato.

Vestito di giallo pallido, Subhan può essere visto cadere a terra mentre un poliziotto colpisce un manganello nella sua direzione. La famiglia dice che Subhan non è nemmeno andato alla moschea principale venerdì, per non parlare di aver preso parte alle proteste lì.

“Mio figlio è stato picchiato senza pietà”, gridò Fahmida.

I funzionari affermano di aver arrestato 84 persone accusate di violenza nelle proteste di venerdì.

Il sovrintendente Kumar ha detto alla BBC che solo i criminali sono stati arrestati. “Quando arrestiamo qualcuno, prima mostriamo il filmato della sua partecipazione a una protesta violenta e poi solo effettuiamo arresti”, ha detto, la sua dichiarazione in contrasto con i resoconti che abbiamo sentito dalle famiglie di alcuni degli arrestati.

Dall’altra parte della città rispetto alla stazione di polizia, la forza della legge è stata mostrata in altri modi: i bulldozer hanno distrutto parti delle case di due uomini musulmani, funzionari accusati di istigazione alla violenza.

La stazione di polizia della zona di Kothwali dove sono stati portati gli uomini arrestati

Milioni di indiani vivono in case improvvisate senza permessi di pianificazione adeguati, ma usare questo come mezzo di punizione è diventata una tattica più comune adottata dal BJP.

Gli ordini di demolizione delle proprietà costruite illegalmente appartenenti agli accusati nelle recenti proteste sono stati approvati ai massimi livelli.

Il primo ministro dell’Uttar Pradesh Yogi Adityanath ha twittato che l’azione del bulldozer sarebbe continuata contro presunti trasgressori della legge.

E, in un tacito riferimento ai musulmani che adorano il venerdì, il suo consigliere per i media Mrityunjay Kumar ha twittato la foto di un bulldozer con la didascalia “Dopo venerdì, c’è un sabato”.

Sabato pomeriggio uno scavatore è arrivato a casa di Muskaan e ha iniziato a demolire il cancello d’ingresso.

La polizia si è presentata nella proprietà in affitto con una foto di suo fratello chiedendo se viveva lì. Il 17enne era stato arrestato il giorno prima.

“Mio padre ha confermato che era suo figlio e ha chiesto se fosse successo qualcosa”, ha detto Muskaan. “Non hanno risposto, hanno iniziato all’improvviso a usare il bulldozer”.

I funzionari accusano l’adolescente di aver incoraggiato la violenza venerdì. Un funzionario ha mostrato alla BBC un video che, secondo loro, lo mostra mentre istiga la folla.

In esso si può vedere un discorso ai presenti: “I musulmani di questo Paese dormono. La storia è una testimonianza del fatto che ogni volta che un musulmano è risorto, è risorto con collera”, dice.

Muskaan nega tutte le accuse contro suo fratello: “Non è lui a causare distruzione, non è questo tipo di ragazzo per rompere le cose… Tutto questo è una bugia”.

I funzionari hanno detto alla BBC che alle famiglie degli arrestati è stato comunicato che le loro case erano state costruite illegalmente senza le dovute autorizzazioni.

“Quando abbiamo indagato, abbiamo scoperto che la sua famiglia vive in una casa non autorizzata di un parente”, ha detto alla BBC Rajesh Kumar, un alto funzionario di polizia, giustificando le loro azioni.

“La squadra municipale ha visitato le case sotto stretta sorveglianza della polizia ed è stata intrapresa un’azione”, ha detto Kumar alla BBC, avvertendo che le case di altre persone che sono state arrestate potrebbero essere rase al suolo.

“Il bulldozer rotolerà se qualcosa di illegale viene contro coloro che vengono arrestati e mandati in prigione”, ha aggiunto.

La casa in parte demolita di Muskaan e suo fratello di 17 anni

L’azione del bulldozer è stata tutta eseguita secondo la legge e “come da procedura… nulla è fatto contro la legge”, ha detto alla BBC Navneet Sehgal, un consigliere di Adityanath.

Un gruppo dei massimi esperti legali dell’India, inclusi ex giudici e avvocati di spicco, ha presentato una petizione alla Corte Suprema del paese per questi ultimi casi di pestaggi della polizia e l’uso ingiustificato di bulldozer.

La loro lettera accusa Aditynath di incoraggiare la polizia a “torturare brutalmente e illegalmente i manifestanti” e afferma che queste ultime azioni “scuotono la coscienza della nazione”.

“Una repressione così brutale da parte di un’amministrazione al potere è un’inaccettabile sovversione dello stato di diritto e una violazione dei diritti dei cittadini, e prende in giro la Costituzione e i diritti fondamentali garantiti dallo Stato”.

Il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha anche accusato il governo indiano di sopprimere qualsiasi forma di dissenso: “Il governo indiano sta reprimendo selettivamente e brutalmente i musulmani che osano parlare ed esprimere pacificamente il loro dissenso contro la discriminazione subita.

Munni Begun è preoccupata per suo figlio e suo marito che, secondo lei, sono stati picchiati dalla polizia

“Reprimere i manifestanti con l’uso eccessivo della forza, la detenzione arbitraria e la demolizione punitiva delle case da parte delle autorità indiane è in completa violazione degli impegni dell’India ai sensi delle leggi e degli standard internazionali in materia di diritti umani”, ha scritto in una dichiarazione Aakar Patel, presidente dell’Amnesty International India Board .

Tornata a Saharanpur, anche Munni Begum è in pericolo, mentre attende notizie di suo figlio e suo marito, che secondo lei sono stati anche picchiati dalla polizia.

Non è sicura di quando torneranno e se avranno anche una casa in cui tornare.

“Mio figlio e mio marito innocenti sono in prigione, sono solo con le mie figlie in questa casa di nuova costruzione.

“Temo cosa ci accadrà se lo demoliranno. Non riesco a dormire la notte.”

Lascia un commento